martedì 5 aprile 2016

LE DAME DA CIARPÀ (DIALETO DE VENAS)

LE DAME DI CIARPÀ


Tratto da una tesi di laurea del 1943 di Rosetta Palmieri [1]

(Traduzione -letterale- italiana di Giancarlo Soravia)


Sote dei nostre vece, a Ciarpà, inte an bel castel, stasèa ancuante dame, che chi da Venas i pensèa che fusse le fate da bele che le era. Cuan che le ienìa a Venas par dì a messa la domenega, chi che le incontrèa i se tirèa da na parte, par le lassà passà, ma anca par le puodé vede polìto, che le era sempre vestide da bianco, coi ciavei bei bionde e longe, scarade par le spale, che cu al sol al petèa, i parèa dute de oro. Cuan che le arguèa davante a la césa, i tachèa a sonà l'ultima.
Al tempo dei nostri vecchi, a Ciarpà[2], dentro un bel castello, stavano alcune dame, che quelli di Venas pensavano fossero le fate da belle che erano. Quando venivano a Venas per andare a messa la domenica, chi le incontrava si tirava da una parte, per lasciarle passare, ma anche per poterle vedere bene, che erano sempre vestite di bianco, coi capelli belli biondi e lunghi, sparsi sulle spalle, che quando il sole picchiava, sembravano tutti d'oro. Quando arrivavano davanti alla chiesa, iniziavano a suonare l'ultima [=ultimo suono prima della messa].

[2] Ciarpà: località tra Cibiana e Venas