giovedì 31 marzo 2016

TANA, REJINA DEI CRODARE (DIALETO DE VENAS)

TANNA, REGINA DEI CRODARI



Traduzione (di Giancarlo Soravia) in dialetto di Venas di una leggenda tratta da un quaderno intitolato “Antiche leggende Cadorine fatte da me e dai miei compagni nell'anno 1944-45” di Vaile Toscani alle Scuole Elementari di Venas - Classe V^ - e messa su Internet da Luciano Del Favero di Valle nel suo sito alla pagina seguente:






Chesta l'é na vecia leienda su le Marmarole.
Tana era la rejina dei "Crodàre" [a Cortina i li ciama "Crodères"] che stasea su le Marmarole.
L'avea maridà al conte de Aquileia che po' al l'avea rebandonada.
Par avé sposà un de la bassa i Crodare no volea pì aẑetala par sò rejina.
Al fiol Salvanel, ferì inte an combatimento contro sò pare par avé rebandonà la sò cara mare, l'avea volesto tornà, apede Marcora sò femena, inte al gran regno de le Marmarole, par se reunì a sò mare, che no l'avea ancora concuistà al cuor de i sò sudite.
I Crodare avea an cuor de iaẑa.
Ma i nemighi, parade inavante dal conte de Aquileia, i volea ciapà Salvanel.
Chesto al vardea de scampà in medo al nieve che scuerdea le crode de le Marmarole, par ardonde sò mare su le creste iaẑade, ẑigando: "Adìeme, mare méa !"
Alora Tana l'à preà a le lagreme i sò Crodare, parché i adiàsse sò fiol tanto coraios.
"Bucé do sas, mastruẑé i nemighi de me fiol !" Nia ! Se sentia solo l'eco de le so parole dì da na croda a chel'autra.
Ma deboto arguà su, Salvanel l'é tomà inte na crépa fonda co 'l nome de la mare sui làveri.
Solo da insuda i à ciatà al corpo, che é stà piandù da la mare e da la femena.

Marcora la muóre dal dolor davesin del sò òn, e Tana, dopo che al destin al se avea conpì col sacrifiẑio del fiol, la torna rejina dei Crodare e su la sò bela testa torna a lusì la corona rosa, al pì gran tesoro, al pì gran mistero de le Marmarole.
Questa è un'antica leggenda sulle Marmarole.
Tanna era la regina dei "Crodari" [a Cortina li chiamano "Crodères"] che abitavano sulle Marmarole.
Aveva sposato il conte di Aquileia che poi l'aveva abbandonata.

Per aver sposato uno della pianura i Crodari non volevano più riconoscerla come loro regina.
Il figlio Salvanel, ferito in un combattimento contro suo padre per aver abbandonato la sua amata madre, volle tornare, con Marcora sua moglie, nel gran regno delle Marmarole, per riunirsi a sua madre, che non aveva ancora conquistato il cuore dei suoi sudditi.

I Crodari avevano un cuore di ghiaccio.
Ma i nemici, mandati avanti dal conte di Aquileia, volevano prendere Salvanel.
Questo guardava (=cercava) di scappare in mezzo alla neve che copriva le crode delle Marmarole, per raggiungere sua madre sulle creste ghiacciate, gridando: "Aiutami, madre mia !
Allora Tanna pregò alle lacrime (=supplicò) i suoi Crodari, perché aiutassero suo figlio così coraggioso.
"Gettate sassi, stritolate i nemici di mio figlio !" Niente ! (=invano) Si sentiva solo l'eco delle sue parole andare da una croda all'altra.

Ma quasi arrivato su (=alla meta), Salvanel cadde in un crepaccio profondo con il nome della madre sulle labbra.
Solo in primavera ritrovarono il corpo, che fu pianto dalla madre e dalla moglie.

Marcora muore dal dolore a fianco di suo marito, e Tanna, dopo che il destino si era compiuto con il sacrificio del figlio, torna regina dei Crodari e sul suo bel capo torna a splendere la corona rosa, il più gran tesoro, il più gran mistero delle Marmarole.